media

3 mosse per prevenire la psoriasi del cuoio capelluto

Cos’è la psoriasi del cuoio capelluto e quali sono le cause 

La psoriasi è una patologia infiammatoria della pelle molto diffusa e cronica: non è contagiosa e può essere causata da diversi fattori, fra cui predisposizione genetica, infezioni, farmaci e stress. Questo disturbo tende a seguire un corso ciclico, con fasi acute e momenti di remissione: il sintomo principale sono chiazze di pelle molto desquamate, rosse o bianche.

Esiste anche la psoriasi del cuoio capelluto, molto comune insieme a quella da gomiti, ginocchia e mani.

Come prevenire e curare la psoriasi del cuoio capelluto 

La psoriasi del cuoio capelluto si presenta con lesioni a placche, arrossamento, prurito lieve e desquamazione simile alla forfora. La sua gravità cambia da caso e caso e può ridursi a un lieve fastidio come essere una grave fonte di disagio, soprattutto perché può portare anche alla caduta dei capelli. 

1.Sì alle creme e all’acqua

Questa forma di psoriasi deve essere diagnosticata da un medico dermatologo e trattata di conseguenza, con pomate e lozioni farmacologiche: i farmaci topici sono di solito a base di corticosteroidi o vitamina D. 

Come abbiamo detto, la psoriasi è una malattia ciclica: ci sono quindi momenti acuti, che vanno trattati con farmaci, e momenti di pausa, nei quali si può cercare di impedire che la situazione recidivi o peggiori. Tra i trattamenti più utilizzati per la psoriasi del cuoio capelluto vi segnaliamo la talasso terapia e i bagni di mare, che arrecano immediato sollievo.

2. No allo stress e a prodotti commerciali

Lo stress invece peggiora la psoriasi: per questo bisognerebbe cercare di evitare il più possibile situazioni stressanti oppure dedicarsi ad una attività fisica che permetta di scaricare le emozioni negative. Anche il fumo e l'alcool non fanno bene e andrebbero limitati il più possibile.

Una particolare attenzione deve essere riposta anche nella cura e nell'igiene quotidiana: chi soffre di psoriasi del cuoio capelluto non dovrebbe utilizzare shampoo commerciali ma prodotti senza tensioattivi, da acquistare in farmacia. I più consigliati sono prodotti medicati, a base di catrame di carbone, oppure quelli a base di ketoconazolo, ciclopirox e zinco piritione, da sperimentare sotto controllo dermatologico come ad esempio lo shampoo RestivOil privo di agenti schiumogeni aggressivi. Prestate attenzione anche al phon nel momento dell’asciugatura capelli: deve essere usato con grande attenzione, mai a più di 30 cm dalla cute e mai impostato sul massimo calore. 

3. Attenzione anche alle temperature!

Il clima esterno, ma anche quello interno alla propria abitazione influiscono sulla psoriasi: il freddo peggiora le manifestazioni, quindi la testa va tenuta sempre al caldo anche con cappelli, che devono essere in materiali naturali e traspiranti. E se come spesso accade con i termosifoni l'aria di casa è troppo secca, bisogna intervenire con un umidificatore: anche il vostro cuoio capelluto vi ringrazierà.

Un ultimo consiglio: evitare di grattarsi il più possibile, perché la situazione può soltanto peggiorare. Se il prurito aumenta significa che sta arrivando un periodo “acuto” e che vanno utilizzati farmaci appositi. 

Per avere più informazioni o richiedere gli integratori adatti alla vostra situazione potete compilare il form di contatto presente sul sito della Farmacia Rocco


Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

L’ indirizzo email non può essere pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*

CATEGORIE DEL BLOG
nuovi prodotti