media

Allergie primaverili: i migliori rimedi per alleviarne i sintomi

A cosa sono dovute le allergie primaverili? 

C'è chi si accorge dell'arrivo della primavera, ancora prima che le temperature inizino ad aumentare o che le giornate diventino più lunghe: sono gli starnuti, più puntuali delle rondini, a far presente agli sfortunati allergici che sta arrivando la stagione dei fiori. Le allergie primaverili sono molto diffuse e altrettanto fastidiose: naso gocciolante, starnuti continui, occhi rossi e che prudono, attacchi di tosse che possono sconfinare in asma. Questi sono solo alcuni dei sintomi delle allergie di stagione, causate dalla reazione immunitaria del corpo ai pollini dei fiori e delle piante

Come alleviare i sintomi delle allergie primaverili 

  1. Igienizzare i tessuti 

Le allergie primaverili dipendono per la maggior parte dai pollini delle piante e dei fiori che, viaggiando con il vento, sono presenti non solo nell'aria ma anche sui capelli, sui vestiti e sul pelo degli animali domestici. Per questo la prima strategia da attuare è quella di tenere sempre puliti i tessuti di casa, come cuscini, coperte e tende, e di cambiarsi appena si rientra da fuori, in modo da evitare la massima diffusione delle polveri anche in casa.

  1. Un occhio di riguardo all’alimentazione 

Attenzione anche a ciò che si mangia

  • chi è allergico alle betulacee (aprile-maggio) deve evitare di mangiare pere, mele e banane;
  • gli allergici alla parietaria e alle graminacee (maggio-settembre) devono stare attenti a basilico, piselli, melone e pomodoro

L'alcool peggiora i sintomi, perchè induce vaso-dilatazione, così come la pioggia, che sebbene sia vista come alleata per gli allergici, favorisce il distacco dei pollini e il proliferare degli acari

  1. Attenzione al vento 

Chi soffre di allergie primaverili dovrebbe evitare di uscire nelle giornate secche e ventose, evitare di tenere le finestre aperte nelle ore più calde della giornata e per lo stesso motivo evitare viaggi in macchina (o in treno) a finestrino aperto, evitare il più possibile di tenere in casa moquette, tappeti e tendaggi.

Niente fai-da-te: in caso di necessità rivolgersi al medico! 

Ovviamente si tratta di palliativi per cercare di stare meglio, ma nel momento più acuto delle manifestazioni l'unica soluzione è assumere medicinali antistaminici: nonostante molti tipi siano da banco, quindi vendibili senza ricetta medica, è sconsigliato il fai-da-te ed è preferibile rivolgersi ad un medico allergologo. 

Il medico prescriverà analisi del sangue e un test cutaneo, per accertare precisamente a cosa si è allergici e in che misura: a quel punto vi consiglierà di affrontare le allergie primaverili solo armandovi di antistaminico e di un po' di pazienza, oppure di risolverle con un vaccino. Per alleviare ad esempio i sintomi di uno stato infiammatorio accompagnato da lacrimazione e dolore, si può utilizzare l’antistaminico Imidazyl in forma di collirio. 


Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

L’ indirizzo email non può essere pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*

CATEGORIE DEL BLOG