media

I rischi del freddo sulla pelle e come proteggerla in inverno

Il freddo è un acerrimo nemico della pelle, infatti, riduce il film idrolipidico che la protegge causando una diminuzione delle sue capacità di difesa. L’epidermide, pertanto, perde progressivamente lipidi e altre sostanze nutrienti, si disidrata ed è maggiormente soggetta a irritazioni, arrossamenti e screpolature. Se non curata tempestivamente e con attenzione, la pelle diventa sempre più sensibile ed aumentano i segni dell’invecchiamento cutaneo.

Quella maggiormente a rischio è la pelle del viso e delle mani, poiché costantemente esposta agli agenti atmosferici come raggi UV e vento. 

D’inverno i raggi solari possono essere molto pericolosi perché, nascosti dalle nubi, non ne viene percepito il calore mentre le nuvole lasciano passare gli infrarossi che vanno a colpire in profondità il DNA delle cellule del derma.  Anche il vento può scottare la pelle causando arrossamenti, gli anglosassoni chiamano tale fenomeno windburn, bruciatura da vento.

Inoltre, le basse temperature causano un restringimento dei vasi capillari, con un conseguente rallentamento dell’apporto di sangue ed ossigeno alla pelle, che si assottiglia e diviene più sensibile. Passando poi improvvisamente da ambienti freddi a caldi, i capillari si dilatano repentinamente facendo affluire maggiori quantità di sangue e provocando così arrossamenti. Questo sbalzi di afflusso sanguigno possono portare, nel tempo, i capillari a perdere elasticità e a rompersi, causando l’inestetismo cutaneo della couperose. 

In tale situazione di costante stress, la pelle riceve un minor apporto di nutrienti per cui rallenta i suoi processi metabolici, inclusa la produzione di collagene ed elastina, due proteine indispensabili per conservare l’elasticità ed il tono della pelle.

Per proteggere la pelle dal freddo bisogna mantenerla costantemente nutrita, applicando quotidianamente adeguate creme da giorno che aiutino a conservare il corretto film idrolipidico superficiale e che contengano anche una protezione dai raggi ultravioletti. Per migliorare l’elasticità della pelle sono anche consigliate le creme a base di collagene.

È anche indicata l’assunzione di antiossidanti, sia nelle creme sia nell’alimentazione, così da nutrire la pelle dall’interno, in particolare vitamina A, vitamina C e vitamina E. Sulle tavole, perciò, non dovrebbero mai mancare gli ortaggi di colore giallo arancio, gli agrumi, i cavoli, la rucola, gli spinaci ecc.

Prima di uscire di casa bisogna ricordarsi di proteggere accuratamente anche mani e labbra, molto vulnerabili perché la loro pelle è priva di grassi superficiali e quindi a rischio screpolature e geloni. Sulle mani andrebbe applicata una crema specifica ricca e bisognerebbe indossare il più possibile i guanti all’aperto. Sulle labbra bisognerebbe applicare frequentemente il burro di cacao, anche sotto il rossetto, che va scelto con filtri Spf.


Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

L’ indirizzo email non può essere pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*

CATEGORIE DEL BLOG
nuovi prodotti