media

3 segnali per capire se hai carenza di magnesio e potassio

Come riconoscere una carenza di magnesio e potassio

Stanchezza, irritabilità, insonnia, mal di testa, nervosissimo: questi sono solo alcuni dei sintomi di una carenza di magnesio e potassio, due minerali fondamentali per il nostro organismo. Già, perché quando ci si sente poco in forma non è sempre facile risalire a una determinata patologia, soprattutto se si tratta di sintomi generici e poco caratterizzati.

Se poi ci troviamo in una situazione di forte stress, per esempio, sarebbe lecito pensare che ci potremmo sentire spossati proprio per quel motivo. Tuttavia, in realtà a volte dietro alcuni disturbi si può celare un deficit di questi minerali.

Quali sono i sintomi più comuni?

Il nostro organismo per poter funzionare correttamente ha bisogno delle giuste quantità di potassio e magnesio. Una loro carenza potrebbe darci segnali visibili di un mal funzionamento del nostro corpo.

Ecco 3 sintomi più comuni che potrebbero essere collegati a una carenza di questi sali minerali:

  1. Stanchezza: quando la stanchezza diventa una condizione cronica significa che nel nostro corpo c’è qualcosa che non va, fate degli ulteriori accertamenti e capite quale sia la causa dietro a questo disturbo.
  2. Insonnia: anche i disturbi del sonno possono essere dei sintomi tipici di una carenza di magnesio e potassio e di conseguenza possono portare a degli stati di nervosismo e accentuare la stanchezza.
  3. Debolezza muscolare: durante l’attività fisica ma anche nelle attività quotidiane si potrebbe notare una debolezza muscolare riconducibile principalmente alla mancanza di potassio nel nostro organismo.

Cosa fare per assumere più magnesio e potassio?

Per colmare una carenza di magnesio e potassio si può ricorrere a delle sane abitudini che aiuteranno il nostro organismo a ristabilirne i livelli. Ecco quali sono:

  • Aiutarsi con l’alimentazione: alcuni cibi sono molto ricchi di magnesio e potassio quindi è consigliabile incrementarne l’assunzione o iniziare ad inserirli più spesso nella nostra dieta. Per quanto riguarda il potassio i cibi che ne contengono maggiormente sono le albicocche secche, i legumi secchi, le mandorle, le banane, il tonno, i carciofi e gli spinaci. Gli spinaci, i legumi e le mandorle sono anche molto ricchi di magnesio insieme ai cereali integrali e al cacao.
  • Assumere degli integratori: se l’alimentazione non bastasse a migliorare i livelli di questi sali minerali nell’organismo si può optare per degli integratori alimentari. Alcuni esempi sono l’integratore Ranbaxy di magnesio e potassio arricchito di vitamina C oppure l’integratore senza zuccheri di Massigen. Se invece la carenza di questi minerali dovesse essere piuttosto severa è necessario ricorrere a un integratore più concentrato come Massigen magnesio e potassio forte.

Contattaci per avere maggiori informazioni sui prodotti da utilizzare per contrastare una carenza di magnesio e potassio o per saperne di più su questi sali minerali!

 

 


Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

L’ indirizzo email non può essere pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*

CATEGORIE DEL BLOG