media

Fitoterapia e omeopatia: un po’ di chiarezza sulle piante mediche

Qual è la differenza tra fitoterapia e omeopatia?

Quando si parla di medicina alternativa spesso si utilizzano fitoterapia e omeopatia come se fossero la stessa cosa. In realtà le due presentano delle differenze sostanziali che le distinguono nettamente l’una dall’atra:

  • L’omeopatia è una medicina alternativa e non si può dire lo stesso della fitoterapia.
  • La fitoterapia si basa sello stesso principio utilizzato per la medicina tradizionale, ovvero quello di contrastare una patologia attraverso un farmaco, che contiene dei principi attivi in grado di indurre dei cambiamenti funzionali nell’organismo.
  • In fitoterapia i principi attivi sono estratti esclusivamente da piante mediche e dai loro derivati.
  • L’omeopatia si serve di estratti provenienti dal mondo naturale, come estratti animali, vegetali o
  • L’omeopatia segue la cosiddetta legge dei simili ovvero de “il simile si cura con il simile”. Infatti, in omeopatia vengono utilizzati dei preparati che contengono delle dosi quasi impercettibili della sostanza.

3 piante mediche utilizzate in fitoterapia e omeopatia

Sono molte le piante mediche che vengono utilizzate in fitoterapia e omeopatia. Tuttavia, le principali sono:

  1. Arnica: in fitoterapia le creme e la tintura di arnica vengono utilizzate principalmente per traumi, contusioni e dolori reumatici. Un esempio a base di arnica è la crema 30 Plus Gel con una concentrazione di arnica al 30%. In omeopatia invece ha un uso più ampio, quindi oltre che per traumi e contusioni viene utilizzata anche per trattare artrite, dolori influenzali e fragilità dei capillari.
  2. Belladonna: viene utilizzata in fitoterapia per le sue proprietà antispastiche mentre in omeopatia è usata soprattutto per problematiche come faringiti, tonsilliti e febbre influenzale.
  3. Calendula: è una delle piante mediche più utilizzate in campo fitoterapico grazie alle sue proprietà spasmolitiche e cicatrizzanti. Ha inoltre un forte potere lenitivo che la rende ideale per curare punture di insetti e di meduse. In omeopatia invece la calendula trova maggiore utilizzo come disinfettante in caso di bruciature o problematiche ai denti e, se assunta per via orale, come antidolorifico e coagulante.

Le piante mediche quindi rappresentano almeno in parte il fondamento della fitoterapia e anche delle cure omeopatiche. Per qualsiasi dubbio contattaci: i nostri farmacisti ti daranno tutte le informazioni per sapere quali sono le piante mediche più adatte alle tue esigenze.


Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

L’ indirizzo email non può essere pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*

CATEGORIE DEL BLOG