media

Pressione bassa al mattino: cosa mangiare per stare meglio

Come combattere la pressione bassa al mattino?

La pressione bassa al mattino è un problema che affligge molte persone: in alcuni casi viene considerato un fenomeno normale e si manifesta come asintomatico. Quando però diventa fastidiosa, causando malori e svenimenti ed è importante indagare le cause scatenanti con l'aiuto del proprio medico.

Come combatterla? La pressione bassa al mattino può essere però contrastata con semplici accorgimenti: dormire con la testa leggermente sopraelevata rispetto al corpo o aspettare qualche secondo la mattina prima di alzarsi, rimanendo sdraiati nel letto e respirando per qualche minuto profondamente.

Anche l’alimentazione può essere una soluzione in tal senso. Per chi soffre di pressione bassa al mattino, (si considera bassa dai 90/60 mm Hg in giù) infatti, la dieta può essere di grande aiuto nel risolvere il problema senza l’utilizzo di farmaci. Basta conoscere gli alimenti che contribuiscono a “risollevare” la pressione e assimilarli regolarmente.

Sali minerali contro la pressione bassa al mattino

Sali minerali e vitamine sono importantissimi per stabilizzare i livelli della pressione: per questo nell'alimentazione quotidiana non devono mancare frutta e verdura, almeno 5 porzioni, intervallate anche con frutta secca. Sono inoltre consigliati i canonici 2 litri di acqua al giorno, importanti per tutti ma in particolar modo per chi soffre di pressione bassa.

Durante la stagione estiva, o per chi pratica sport ad alta intensità, si consiglia anche l'assunzione di integratori salini. Molto importanti nella dieta per combattere la pressione basse al mattino anche i carboidrati, che danno energia e non devono mai mancare, meglio ancora se integrali, e le proteine di origine vegetale, meno grasse e digeribili. Veri toccasana per chi soffre di ipotensione sono anche la liquirizia in polvere e lo zenzero: questi elementi, reperibili in natura, contribuiscono in modo sensibile all'aumento della pressione e non bisogna quindi abusarne.

Per chi ha problemi di bassa pressione averli in tasca è sempre un asso nella manica perché possono essere consumati anche sotto forma di tisane. Infine, il sale: un alimento in grado di alzare la pressione, ma da utilizzare solo come rimedio temporaneo e in casi di emergenza, perché il suo abuso, alla lunga, può comportare problemi di altro genere.


Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

L’ indirizzo email non può essere pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*

CATEGORIE DEL BLOG