media

Sbalzi di umore improvvisi? Forse è colpa del Blue Monday


Sbalzi d’umore o Blue Monday? O tutti e due?

Sei una persona che solitamente ha un carattere positivo, che ama sorridere, ma anche negli ultimi tempi sta sperimentando momenti di malinconia, rabbia e depressione?

Gli sbalzi d’umore improvvisi sono tutt’altro che rari, soprattutto in questo periodo di inizio anno (nel quale si tirano le somme del precedente, che è stato dir poco difficile), considerato quello “triste” per eccellenza.

Proprio a gennaio, infatti, cade una ricorrenza particolare: il Blue Monday, ovvero il giorno più triste dell’anno. Ma qual è il suo significato e cosa c’è di vero?

Ecco la storia del Blue Monday…

Dal lontano 2005 esiste una data simbolica nel sottolineare uno stato psicologico comune, caratterizzato da tristezza e depressione: il terzo lunedì di gennaio.

Ma com’è nata? Da una campagna pubblicitaria di Sky Travel, una compagnia di viaggi che decise di promuovere un’iniziativa per convincere i clienti di aver bisogno di una vacanza, perché “affetti” da una tristezza con fondamento scientifico (basata su una formula), dal quale nacque il fatidico Blue Monday.

Dopo la comparsa sul comunicato stampa aziendale, fu ripreso da molte testate giornalistiche, ma in realtà, com’è facile intuire, si tratta solo di una bufala: lo stesso psicologo che mise la firma sulla ricerca confessò, a distanza di anni, di esser stato comprato dall’agenzia per mettere la firma su uno studio privo di fondamento.

Ma perché siamo comunque tristi a gennaio?

Blue Monday a parte, non serve di certo un genio (o uno scienziato) per dire che gennaio non è proprio il mese più felice dell’anno, a causa del rientro a lavoro dopo le vacanze natalizie, delle condizioni meteo e di quelle economiche, per molti difficili in questo periodo.

Ecco allora che arrivano gli sbalzi d’umore, delle oscillazioni repentine ed improvvise del tono del tono dell’umore, che sono spesso associate a nervosismo, comportamento aggressivo, agitazione, disforia, insonnia….

Non è però solo colpa del periodo “malinconico”, ma molto spesso le cause sono da ricondurre a:

  • Mancanza di serotonina (un neurotrasmettitore che regola alcune funzioni come lo stato dell’umore).
  • Sbalzi ormonali (soprattutto nel periodo premestruale, in gravidanza, nel post parto e in menopausa).
  • Carenze nutrizionali.

5 rimedi contro gli sbalzi d’umore

Per combattere gli sbalzi d’umore e affrontare al meglio l’inverno, è necessario fare sport e curare la propria alimentazione, ma un valido aiuto arriva dagli integratori per l’umore, formulati con delle sostanze utili, come:

  1. Acidi grassi Omega 3: contribuiscono a mantenere in salute le cellule del cervello; senza di essi, infatti, si verifica un’infiammazione che può portare a disturbi di umore.
  2. Vitamine del gruppo B: contribuiscono a ridurre il rischio di molte malattie, ma influenzano notevolmente anche gli stati d’animo e la salute mentale, regolando l’attività ormonale, la funzione psicologica e il funzionamento del sistema nervoso.
  3. Magnesio: riduce l’eccesso di adrenalina e regola la funzionalità dell’ipotalamo, parte del cervello che si dedica al controllo delle funzioni non volontari come gli sbalzi d’umore.
  4. Acido folico: molti medici lo prescrivono ai pazienti che soffrono di depressione. La vitamina B12, infatti, contribuisce al mantenimento della normale funzione psicologica e interviene nella sintesi dei neurotrasmettitori coinvolti nella regolazione del tono dell’umore.
  5. Vitamina D: una sua carenza è stata spesso associata a depressione, ansia e disturbo affettivo stagionale. Tra i benefici della vitamina D, infatti, c’è la riduzione dello stress, dovuta al rallentamento della produzione del cortisolo nell’organismo.

Sullo shop online di Farmacia Rocco, puoi trovare ad esempio Swisse Umore, una formulazione multi nutriente con vitamine del gruppo B, oppure Saffron System, un integratore in compresse con magnesio ed estratto di zafferano, considerata una spezia del buon umore, in quanto regola la produzione di serotonina.


Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento

L’ indirizzo email non può essere pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*

CATEGORIE DEL BLOG
nuovi prodotti